Passa alle informazioni sul prodotto
  • Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo” bottiglia frontale
  • Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo” dettaglio etichetta
  • Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo” bottiglia ambientato 1
  • Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo” bottiglia ambientato 2
1 di 4

Sella delle spine

Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo”

Prezzo di listino
Prezzo di listino
Prezzo di vendita
Imposte incluse.

Il Taurasi DOCG “Vigna Piano D’Angelo” è un vino dal colore rosso rubino intenso e dal profumo ampio e fruttato, che richiama i sentori di prugne e ciliegie e le fragranze del sottobosco collinare che caratterizzano i territori taurasini. Le viti che forniscono l’uva da cui viene estratto crescono su un terreno di natura sabbiosa e vulcanica, che conferisce loro robustezza e resistenza, e sono allevate attraverso uno specifico sistema detto cordone speronato, contraddistinto da un tipo di potatura “corta” che si basa esclusivamente sui parametri ambientali, geografici e vegetali che contraddistinguono la tipologia di pianta coltivata, la sua localizzazione e le condizioni climatiche a cui è sottoposta.

 

    • Classificazione: Taurasi Docg
    • Annata: 2015
    • Formato: 75 cl.
    • Colore: rosso rubino intenso
    • Uvaggio: Aglianico 100%
    • Gradazione alcolica: 13,5/14,5 % vol.
    • Profumo: al naso si presenta ampio
      fruttato con evidenti sentori di
      ciliegie, prugne e sottobosco
    • Caratteristiche del terreno: misto
    • Sistema di allevamento: cordone speronato
    • Sapore: secco, morbido, con una buona
      concentrazione di tannini eleganti,
      di lunghissima persistenza che
      amplifica i sentori organolettici
    • Ceppi/Ha: 4000
    • Epoca di vendemmia: dalla prima alla terza decade di novembre
    • Produzione per ettaro: 50 quintali
    • Temperatura di servizio: 18°C
    • Maturazione in legno: 4 mesi in barrique francesi e succesivamente in botti grandi da 500 litri per 18 mesi
    • Affinamento: in bottiglia 24 mesi
    • Abbinamenti: carni rosse, brasati,
      selvaggina, formaggi stagionati
    • Allergeni: solfiti

 

Tempistiche, metodi di lavorazione e usi

Il tempo di vendemmia va dalla prima alla terza decade di novembre e riguarda circa 4000 ceppi per ettaro, che raggiungono una produzione che si attesta intorno ai 50 quintali. Dopo il periodo di raccolta e la pigiatura, viene conservato per 4 mesi in barrique francesi e per 18 mesi in grandi botti da 500 litri ognuna. Una volta imbottigliato, trascorre un periodo di affinamento di due anni.

Nelle sue condizioni ottimali presenta una tasso alcolico che oscilla tra una percentuale di 13,5 e 14,5 vol. e sprigiona un sapore secco e morbido, con una buona concentrazione di tannini eleganti, di una lunghissima persistenza che amplifica i sentori primari del vitigno stesso. Di facile abbinamento con carni rosse, brasati, selvaggina e formaggi stagionati e va servito a una temperatura di 18 gradi.